Indietro

CHE C'ENTRA BACH?

Comincia con questa domanda il penultimo appuntamento del mese della formazione che ha portato i partecipanti in un mondo “magico”, permeato delle note delle Suite per violoncello di Johann Sebastian Bach.
Gigi Tagliapietra, relatore dell’incontro, tenutosi negli spazi di UNIS&F Lab, definitosi semplicemente “mastro tecnologo”, ha utilizzato la metafora musicale per spiegare come affrontare la complessità in azienda.
Nei momenti di cambiamento, infatti, non è sufficiente utilizzare gli schemi già conosciuti, ma è necessario guardare le cose in un modo diverso e la musica ci offre una chiave di lettura proprio per poterlo fare. Oggi internet, i social media e la possibilità di connettersi in ogni momento rendono il cambiamento sempre più veloce: per questo dobbiamo mettere in moto la nostra capacità di immaginare. Un po’ come fece Bach di fronte a note apparentemente lontane tra loro, componendo le 6 suite per violoncello, ciascuna con 6 movimenti (e Bach non era nemmeno violoncellista!).
Ogni singolo elemento cambia l’insieme e questo succede anche con la tecnologia applicata in azienda, non possiamo ragionare in maniera lineare in un sistema complesso. Quindi è necessario colmare il gap tra un mondo che diventa sempre più complicato e la nostra capacità di comprendere. Possiamo farlo, dice Tagliapietra, allenandoci a costruire dei modelli mentali dinamici, imparando a visualizzare la molteplicità e utilizzando un modo nuovo di ragionare, perché quello vecchio non è più sufficiente.
 
L’incontro è terminato poi con l’ascolto dal vivo di alcuni movimenti delle Suite di Bach, eseguiti dalla violoncellista Daniela Savoldi: per imparare a non usare soltanto la razionalità. Perché la complessità, così come la bellezza, non può essere descritta e non finiremo mai di svelarne i misteri.

Articoli recenti Articoli recenti

RSS (Apri una nuova finestra)
Search Icon
CERCA

Contatti


UNIS&F Lab

Via Venzone, 12 - 31100 Treviso
Tel: 0422 916440
Fax: 0422 916411
E-mail: uniseflab@unisef.it